Un ponte autenticamente moderno

Rispetto al più famoso ponte al Mercatale con il suo aspetto medievaleggiante, il ponte XX Settembre realizzato in seguito a un concorso di progettazione del 1963, passa inosservato. Anche la passerella pedonale di Sant’Antonino… Continua a leggere

Gommoni

FIRENZE SI PREPARA AL 50° ANNIVERSARIO DELL’ALLUVIONE. Mi scuso per la facile battuta, ma di fronte all’istallazione di finti gommoni di salvataggio sulla facciata di Palazzo Strozzi, l’ironia mi sembra il minimo, anche se… Continua a leggere

Gli olmi

Le Piante dei Capitani di Parte Guelfa sono una raccolta del XVI secolo delle prime mappe del territorio toscano in cui sono rappresentati i più antichi centri abitati. Lo scopo principale di tali piante era… Continua a leggere

Cos’è la Perfetti-Ricasoli

Negli anni ’90 fu programmata la realizzazione di una  strada di grande comunicazione Firenze–Prato–Pistoia. Era l’ultima traccia del grande tentativo di realizzare una pianificazione esteso a tutta la piana, abitata dal 40% della popolazione toscana.… Continua a leggere

Campi al centro

Lavoro in una scuola di Campi Bisenzio e ogni anno arrivano colleghi da fuori regione che, dovendo cercare una sistemazione, chiedono informazioni sui collegamenti dei mezzi pubblici con i centri vicini. La risposta… Continua a leggere

Lacci e lacciuoli allo sviluppismo

Intorno al 1999 un’importante impresa fiorentina, una delle poche quotate in Borsa, decise di spostare la propria sede dal territorio di Firenze in un comune della Provincia. Nel 2000 scelse quindi un bel terreno… Continua a leggere

Scuola Marescialli

Un ritratto fiorentino Sabato 24 settembre ci sarà l’inaugurazione della nuova “Scuola Marescialli” a Firenze. Interverranno Mattarella, Renzi e chissà quante altre autorità dello Stato. Si tratta in effetti  dell’inaugurazione di un’opera  storica e paradigmatica… Continua a leggere

Rossi e Marchionne

Non serve ulteriore commento.

Gattici

Intorno al 1865 nelle Cascine Medicee, lungo il viale dei Berberi, furono piantati i gattici (pioppi bianchi), forse a integrazione di alberature precedenti. La duplice fila di alberi caratterizzò a lungo questa parte della tenuta e… Continua a leggere

Terza corsia a sua insaputa

Così ha dichiarato l’assessore all’Ambiente del Comune di Prato, Filippo Alessi in merito agli espropri per la terza corsia dell’autostrada Firenze-Mare. Secondo il Tirreno “non ha avuto paura a dire le cose cosi… Continua a leggere

“Rivoluzione socialista”

Recensione del libro del “Governatore” Rossi. Del precedente libro di Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, ho preferito recensire solo il titolo e la copertina. Purtroppo per quello appena uscito ho deciso di… Continua a leggere

Coop, Esselunga e compagnia

I moderni protagonisti delle trasformazioni urbanistiche Le scelte urbanistiche competono alla politica: la nomina dei tecnici che redigono i piani, la definizione degli indirizzi programmatici degli strumenti urbanistici generali e settoriali, l’accoglimento delle… Continua a leggere

Cosa non va nel recupero del Fabbricone?

Il piano di recupero dell’area ex Fabbricone, consentirà di recuperare una delle più ampie aree industriali della città, sottraendola ad un possibile degrado. Inoltre il polo teatrale (Fabbricone e Fabbrichino) diventerà di proprietà pubblica… Continua a leggere

Dopo la sentenza non si può gridare vittoria

La sentenza del TAR  che ha minato le basi urbanistiche del nuovo aeroporto di Firenze rappresenta una vittoria innegabile per il Coordinamento Comitati ed Associazioni per la Salute della Piana, sia per l’efficacia della… Continua a leggere

I problemi della giunta Biffoni con l’Urbanistica

Il sindaco ha i suoi grossi problemi con le questioni della sicurezza, della droga e dell’immigrazione, questioni che sono arrivati anche sulle reti televisive nazionali. Altri problemi, più sottotraccia, ci sono nei rapporti… Continua a leggere

L’urbanistica delle varianti

Come tutti sanno l’urbanistica ha bisogno di regole, non di eccezioni. Le regole assicurano che le condizioni stabilite al momento di formazione del piano valgono per tutti. Le eccezioni fanno pensare a una discrezionalità pericolosa,… Continua a leggere

Casa del Guardia

La Casa del Guardia è  uno degli edifici da recuperare all’interno delle Cascine medicee. Si tratta di un edificio ad uso agricolo costruito alla fine del XVI secolo che ha avuto nel tempo varie… Continua a leggere

Dove finiscono le ceneri e le polveri residue ?

Quello che non dicono sul nuovo inceneritore di Firenze(4) prima puntata: Cosa brucerà l’inceneritore ? seconda puntata: Cosa brucerà l’inceneritore oltre ai rifiuti urbani? terza puntata: Quanto brucerà l’inceneritore? quarta puntata: Dove finiscono le ceneri… Continua a leggere

L’ultima casa colonica

  Fino all’Ottocento Poggio a Caiano era essenzialmente un territorio agricolo. Quasi l’intera estensione dell’attuale comune era possedimento granducale (poi dei Savoia)  e costituiva la “Fattoria del Poggio a Caiano” (ben distinta dalla… Continua a leggere

A cosa serve la Via ?

L’aeroporto di Firenze è stato sottoposto ai procedimenti di Vas e di Via: il progetto  (preliminare) era partito con 2000 metri di pista e con tante condizioni  e vincoli e ora sta per uscire dalle… Continua a leggere

Non riconoscere la qualità

Riconoscere la qualità architettonica sembra essere diventata una capacità assai rara anche per persone di buona cultura e addirittura per la maggior parte degli architetti, figurarsi per gli amministratori politici che, di fatto,… Continua a leggere

TAV o NOTAV

  TAV   NOTAV —————————– E nel mezzo tra TAV e NOTAV cosa c’è ?

Rossi non è un ingrato

Il “governatore” è un vero sovrano generoso. Contando sulla sostanziale irresponsabilità del bilancio regionale, che non deve rendere conto a nessuno, da sempre è dedito all’elargizione regale invece che alla pianificazione democratica. In effetti… Continua a leggere

Forestazione nella Piana

Le compensazioni di Rossi In questi giorni un accordo di programma tra Regioni e comuni dà il via alla prima fase di realizzazione del parco agricolo più grande e bello che si sia mai visto al… Continua a leggere

Forestazione a Prato (2)

Dopo il “Parco degli aquiloni“ ecco altre aree pratesi da piantumare, nell’ambito dell’accordo di programma tra Regione e Comune per la forestazione della piana voluta dal “governatore” Rossi. Si trovano a Casale, Tobbiana… Continua a leggere

Forestazione a Prato (1)

Anche Prato ha firmato l’accordo di programma, tra Regione e comuni, che intende attuare la prima fase di realizzazione del grande parco agricolo  della Piana. Tale accordo riguarderà interventi di rimboschimento su terreni… Continua a leggere

Paesaggio e tutela

Come qualificare questo paesaggio? Si tratta di una finta savana africana ricreata a Las Vegas o di un’opera di land art ? No. Si tratta di un pezzo di uno dei paesaggi storici più celebrati (anche… Continua a leggere

Forestazione a Carmignano

Nell’Accordo di programma tra Regioni e comuni per dare avvio alla prima fase di realizzazione del  parco agricolo della Piana, il “più grande che si sia mai visto”  trova posto anche il collinare comune di… Continua a leggere

Forestazione a Poggio a Caiano

Dopo anni, un accordo di programma tra Regioni e comuni mette in campo le prime fasi per realizzare il parco agricolo più grande che si sia mai visto. Sono tre le fasi successive di realizzazione… Continua a leggere

Perché l’inceneritore si farà (2)

Dunque, come ci dice il candidato sindaco PD di Sesto, oltre all’indennità di disagio ambientale annuale la costruzione dell’inceneritore comporta una compensazione una tantum sulla quale Zambini sembrerebbe ben informato. In effetti  il piano industriale… Continua a leggere

Perché l’inceneritore si farà (1)

Il  Piano Industriale Piano Industriale di ATO n. 6 “Area Metropolitana Fiorentina” prevede che la tariffa di conferimento negli impianti di trattamento/smaltimento dei rifiuti comprenda un contributo di compensazione (indennità di disagio ambientale), destinato… Continua a leggere

Pasquale Poccianti a Prato

Pasquale Poccianti (Bibbiena, 1774 – Firenze, 1858 ) è uno dei maggiori architetti italiani del XIX secolo. Lavorò per i granduchi di Toscana e lasciò le sue opere più conosciute a Livorno, tra… Continua a leggere

D’Angelis, la voragine e Publiacqua

Il sig. Erasmo D’Angelis ex consigliere regionale, ex presidente di Publiacqua, ex sottosegretario, ex direttore dell’Unità,  ha rilasciato un’intervista in merito alla voragine del lungarno Torrigiani e dice, come al solito, delle cose… Continua a leggere

Biffoni e la confisca

Nel febbraio 2015 il tribunale di Prato dispose la confisca della fattoria delle Cascine Medicee. La notizia ebbe felice risalto nella “stampa” locale. L’entusiasmo coinvolse anche il sindaco Biffoni che infatti dichiarò soddisfatto:”Questa per noi… Continua a leggere

Intervenga la Magistratura

Sembrerebbe che la magistratura fiorentina abbia iniziato delle indagini sulle responsabilità della voragine sul Lungarno Torrigiani causata dalla perdita di un tratto importante dell’acquedotto fiorentino e che ha messo in pericolo l’incolumità pubblica… Continua a leggere

Schema strutturale per l’area Firenze-Prato-Pistoia

Nel 1962 venne elaborato un “piano intercomunale” che doveva pianificare la Piana tra Firenze e Prato e sottrarla all’edificazione incontrollata. L’elaborazione dello schema vide impegnati personalità importanti come Astengo e Detti, in veste di assessore. Nel piano… Continua a leggere

Protocollo d’intesa

Le promesse di Matteo Renzi da giovane Un protocollo d’intesa  è un accordo in cui alcuni enti territoriali e amministrazioni pubbliche si coordinano per la realizzazione di attività, opere pubbliche o programmi di intervento. Tali accordi… Continua a leggere

La Scuola toscana in viale Vittorio Veneto

L’architettura degli anni ’50 e ’60 in genere non gode di molta considerazione. Eppure, in Italia e in Toscana, quelli furono anni di ricerca architettonica e di interessanti figure di progettisti. Le questioni affrontate erano… Continua a leggere

Una grandiosa limonaia

La limonaia della Villa Medicea di Poggio a Caiano è un bellissimo e grandioso edificio neoclassico della prima metà del XIX secolo. Eppure il progetto originale era ancora più bello. In questo disegno inedito, di… Continua a leggere

Riassunto di quindici anni

La storia di quindici anni di politica e di amministrazione a Prato riassunti in poche righe: Scrisse l’Unità il 3 gennaio 2003: “PRATO. La progettazione della metrotramvia, il polo espositivo che prende forma… Continua a leggere

Quello che non dicono sul nuovo inceneritore di Firenze (3)

prima puntata: Cosa brucerà l’inceneritore ? seconda puntata: Cosa brucerà l’inceneritore oltre ai rifiuti urbani? terza puntata: Quanto brucerà l’inceneritore? Dunque l’inceneritore brucerà rifiuti indifferenziati non trattati. Dunque l’inceneritore brucerà anche rifiuti speciali. Dunque… Continua a leggere

Demoliamolo!

Ormai è deciso! Il vecchio ospedale sarà demolito e forse non c’erano alternative, nonostante qualche dubbio mi sia rimasto. Il nuovo parco centrale con edifici annessi sarà senza dubbio di grande qualità urbana, grazie… Continua a leggere

Una nobile architettura neoclassica

    Una straordinaria architettura neoclassica appare tra i pioppi del viale dei Berberi, in una situazione paesaggistica irripetibile. Siamo a Prato, all’interno delle Cascine Medicee. L’edificio si chiama Podere San Leopoldo e, nonostante l’aspetto… Continua a leggere

Quello che non dicono sul nuovo inceneritore di Firenze (2)

Cosa brucerà l’inceneritore oltre ai rifiuti urbani? L’inceneritore di Firenze avrà difficoltà a raggiungere gli obiettivi di produzione elettrica in quanto i rifiuti urbani indifferenziati, non trattati, non hanno un gran potere calorifico.… Continua a leggere

Mafia a Prato (5)

Puntata n. 1: Mafia a Galciana Puntata n. 2: Un capobastone in piazza San Domenico Puntata n. 3: Un pentito a Schignano Puntata n. 4: La cosca dei perdenti nei boschi di Migliana… Continua a leggere

Quello che non dicono sul nuovo inceneritore di Firenze (1)

Cosa brucerà l’inceneritore? Il nuovo inceneritore di Firenze non brucerà CDR  cioè “combustibile derivato da rifiuto”,[1] ottenuto mediante triturazione, separazione dei metalli ferrosi mediante magneti, asportazione di metalli non ferrosi, asportazione di materiali inerti (vetro,… Continua a leggere

Le Cascine medicee: le colpe della Giustizia

Il Tribunale di Prato non gode di buona fama e qualche notiziola arrivata sulla stampa negli anni scorsi, autorizza i dubbi. Quello delle Cascine medicee rappresenta un caso piccolo e marginale che può servire a capire… Continua a leggere

Ma dove vogliono arrivare?

Publiacqua S.p.A. è stata costituita nel 2000 per iniziativa di vari comuni. Nel 2002 diventata società affidataria, del servizio idrico integrato dell’Ambito Territoriale Ottimale n. 3 Medio Valdarno. Nel 2006, a conclusione di una… Continua a leggere

Il ruolo di Legambiente nella storia dell’inceneritore

La storia dell’inceneritore di Firenze è lunga e complessa. Nell’iter della sua approvazione poche persone hanno avuto un ruolo maggiore dell’attuale Premier Renzi che durante la sua presidenza di Provincia mise le basi giuridiche e… Continua a leggere

Perché GIDA ha bisogno dell’inceneritore

Dopo il primo flop, Gida annuncia che avvierà un nuovo procedimento di Valutazione d’Impatto Ambientale per il nuovo inceneritore. Dunque l’azienda insiste per costruire un nuovo impianto che sostituisca il vecchio (evidentemente molto pericoloso)… Continua a leggere