Archivio categoria: Architettura

Vincoli anche per lo stadio di Firenze

Il nuovo stadio della Roma sembra aver incontrato un imprevisto e forse momentaneo ostacolo nella presenza di edifici degli anni ’60 che la Sovrintendenza intende tutelare. Avrebbe dovuto incontrare ostacoli ben più grandi e… Continua a leggere

Nostalgia di un fallimento

Italo Gamberini – parte 1^ (Archimostri – n°.8) In questi mesi si sono sentiti astiosi e ingiustificati giudizi negativi sul nuovo Museo di Arte Contemporanea di Prato. Molti  si rammaricano che l’ampliamento abbia nascosto… Continua a leggere

La scuola più bella di Prato

Scuola Media di via S. Silvestro a Prato (1964-1965) Non è una scuola nuovissima, anzi è stata costruita  già da mezzo secolo, eppure appare ancora moderna  e significativa. Non è stata costruita in… Continua a leggere

Il campanilismo architettonico

A Prato importanti edifici e strutture architettoniche del XX secolo non hanno autori noti. Lo stadio di via Firenze non si sa chi lo abbia progettato. L’ormai ex-ospedale è stato definito di “autore… Continua a leggere

Un ponte autenticamente moderno

Rispetto al più famoso ponte al Mercatale con il suo aspetto medievaleggiante, il ponte XX Settembre realizzato in seguito a un concorso di progettazione del 1963, passa inosservato. Anche la passerella pedonale di Sant’Antonino… Continua a leggere

Casa del Guardia

La Casa del Guardia è  uno degli edifici da recuperare all’interno delle Cascine medicee. Si tratta di un edificio ad uso agricolo costruito alla fine del XVI secolo che ha avuto nel tempo varie… Continua a leggere

L’ultima casa colonica

  Fino all’Ottocento Poggio a Caiano era essenzialmente un territorio agricolo. Quasi l’intera estensione dell’attuale comune era possedimento granducale (poi dei Savoia)  e costituiva la “Fattoria del Poggio a Caiano” (ben distinta dalla… Continua a leggere

Non riconoscere la qualità

Riconoscere la qualità architettonica sembra essere diventata una capacità assai rara anche per persone di buona cultura e addirittura per la maggior parte degli architetti, figurarsi per gli amministratori politici che, di fatto,… Continua a leggere

Pasquale Poccianti a Prato

Pasquale Poccianti (Bibbiena, 1774 – Firenze, 1858 ) è uno dei maggiori architetti italiani del XIX secolo. Lavorò per i granduchi di Toscana e lasciò le sue opere più conosciute a Livorno, tra… Continua a leggere

La Scuola toscana in viale Vittorio Veneto

L’architettura degli anni ’50 e ’60 in genere non gode di molta considerazione. Eppure, in Italia e in Toscana, quelli furono anni di ricerca architettonica e di interessanti figure di progettisti. Le questioni affrontate erano… Continua a leggere

Una grandiosa limonaia

La limonaia della Villa Medicea di Poggio a Caiano è un bellissimo e grandioso edificio neoclassico della prima metà del XIX secolo. Eppure il progetto originale era ancora più bello. In questo disegno inedito, di… Continua a leggere

Demoliamolo!

Ormai è deciso! Il vecchio ospedale sarà demolito e forse non c’erano alternative, nonostante qualche dubbio mi sia rimasto. Il nuovo parco centrale con edifici annessi sarà senza dubbio di grande qualità urbana, grazie… Continua a leggere

Un architetto sfortunato

Giuseppe Valentini è il più importante architetto pratese tra XVIII e XIX secolo, anche se la sua opera è poco conosciuta fuori dalla sua città. Eppure lo possiamo considerare anche un architetto sfortunato:… Continua a leggere

L’estetica del cestino

Il costosissimo padiglione Italia all’Expo di Milano rappresenta l’ultimo episodio di una nuova tendenza estetica: l’imitazione dei cestini che già da alcuni anni si è imposta nel panorama internazionale dell’architettura di tendenza. Involucri di… Continua a leggere

Un edificio mediceo a Poggio a Caiano

Malgrado qualsiasi velleità Poggio a Caiano non ha un centro storico. Questo sia per ragioni storiche, sia per la mancata tutela delle poche strade antiche del paese che le regole urbanistiche, fino allo scorso… Continua a leggere

Una fabbrica di nitroglicerina

A pochi chilometri da Poggio a Caiano, a poche centinaia di metri da Comeana, un fitto bosco nasconde almeno un centinaio di edifici abbandonati, ognuno diverso dall’altro, resti archeologici sopravvissuti da un epoca… Continua a leggere

Una pieve fortificata

L’antica pieve di Sant’Ippolito ha visto il territorio circostante modificarsi implacabilmente e tuttavia conserva ancora un’atmosfera che testimonia la sua antichissima origine. Si tratta di un edificio, fondato nell’alto medioevo, che meriterebbe studi approfonditi,… Continua a leggere

Compriamo le Cascine di Tavola

Finché il Dio Denaro non ha sorvolato le Cascine di Tavola, la vasta tenuta di Lorenzo il Magnifico aveva attraversato, relativamente indenne, oltre cinque secoli di storia, nonostante qualche riduzione di superficie e… Continua a leggere

L’assenza del contesto

Sono comparse in questi giorni, sugli organi d’informazione e sulla rete, accompagnate da lusinghieri giudizi, alcune immagini del progettato raddoppio sopraelevato del viale Leonardo da Vinci. Premesso che il rendering appare di fattura… Continua a leggere

Si può fare di un museo d’arte contemporanea un centro d’attrazione internazionale?

Si può fare !  È stato fatto ! Una cittadina piccola come Rovereto  ospita dal 2002 il MART il Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto che è diventato un instancabile motore… Continua a leggere

Si può fare !

Si può rivitalizzare una città mediante la qualità delle trasformazioni urbane ? Si può avviare il completo rinnovamento economico di una città puntando sulla cultura ? Si può trasformare una città industriale in… Continua a leggere

Un pratese dimenticato

  È possibile che un importante artista del Rinascimento sia stato completamente dimenticato? Sicuramente così è stato per Domenico Giunti o Giuntalodi,  nato a Prato nel 1505 e morto a Guastalla nel 1560. Fu… Continua a leggere

Area ex-ospedale

Leggo con piacere che i partecipanti al percorso partecipativo attivato per discutere dell’area dell’ex-ospedale MeD non si sono avventati a disputare su singole ipotesi, ma sta cercando di procedere con metodo cercando di… Continua a leggere

Un misterioso villino neoclassico

Lungo via Bologna a Prato sorge il villino Kossler-Mayer, commissionato intorno al 1987 dai due imprenditori fondatori del complesso industriale del “Fabbricone” che infatti si trova proprio accanto, al confine con il piccolo parco… Continua a leggere

All’esterno delle Scuderie medicee

Tra le cose di cui le ultime amministrazioni di Poggio a Caiano possono vantarsi c’è sicuramente il recupero delle scuderie medicee, iniziato da diversi anni ma non ancora completato. Aver avviato un’impresa che… Continua a leggere

Archimostro

Dove direste che si trovi l’incredibile costruzione della foto? in Tunisia? a Dubai? in Kazakistan?  No, si trova in Italia. Forse in qualche insediamento turistico abusivo della Sicilia o della Calabria? No. Si… Continua a leggere

Urbanistica Tetris

A Prato o per meglio dire in Toscana, sono sorti degli specifici modelli urbanistici che possono sorprendere chi osserva da fuori.

Nessun mistero sull’Ospedale !

Leggo e sento da molte parti che il destino dell’Ospedale è ancora un mistero in discussione tra Cenni e Rossi e che nulla è deciso: Veramente non c’è nessun segreto e la decisione… Continua a leggere

Assoluta priorità è recuperare

Ormai non c’è più tempo. La scelta è inevitabile e ineludibile. Occorre impedire scelte urbanistiche che prevedano nuovo consumo di suolo, congelando il nuovo Piano Strutturale che di territorio ne potrebbe compromettere molto.… Continua a leggere

Ma le scuole non servono?

di Salvatore Gioitta Nella frazione di Galciana sono in fase di progetto, in corso di costruzione o appena completate, diverse iniziative edilizie che porteranno a trasformare completamente l’assetto urbanistico soprattutto della zona a Ovest… Continua a leggere

Un muro pratese

La riconoscibilità di un paesaggio urbano non è legato esclusivamente alle architetture più importanti, ma anche a elementi meno nobili e monumentali. Può essere l’uso nell’edilizia storica di un particolare materiale reperibile nel… Continua a leggere

Anche la bruttezza ci insegna qualcosa

Nel 1998 la rivista che Italia Nostra inviava ai soci, sul retro della copertina del numero dedicato alle “brutture edilizie”, pubblicò alcuni esempi degli “squallidi orizzonti del paesaggio italiano”. La figura 4 rappresenta… Continua a leggere

Quantità e qualità in via Livi

L’urbanistica si fonda su grandezze numeriche, come sanno anche i non addetti i lavori. Di un piano di lottizzazione bisogna conoscere i metri cubi della volumetria, i metri quadri delle superfici, i metri… Continua a leggere

Vincoli monumentali

Nella porzione Est della piazza Mercatale due edifici si contendono in ruolo di centro focale e monumentale del grande spazio urbano, benché seminascosti da tristi cedri del Libano.

Bonjour tristesse

Ritratto di una città in forma di piazza

C’è a Prato una piazza che riassume l’ultimo secolo di storia cittadina. Piazza Esedra, poi chiamata Piazza Europa fu realizzata durante i lavori di trasformazione urbana con cui la città accompagnò la realizzazione… Continua a leggere

Viaggiatori inglesi a Prato

Oggi è sempre più raro vedere turisti a Prato. La città respinge inesorabilmente anche quei pochi che si vorrebbero avventurare in treno da Firenze con la mancanza di indicazioni e informazioni. Invece alla… Continua a leggere

Compriamo le Cascine di Tavola

Finché il Dio Denaro non ha sorvolato le Cascine di Tavola, la vasta tenuta aveva attraversato, relativamente indenne, oltre cinque secoli di storia, nonostante qualche riduzione di superficie e periodi di incuria e… Continua a leggere

Finalmente buone notizie dalle Cascine di Tavola

Da ormai oltre due decenni le Cascine di Tavola sono sottoposte a incessanti minacce e interventi rovinosi. Una buona parte della grandiosa sistemazione paesaggistica voluta da Lorenza il Magnifico è andata distrutta con… Continua a leggere

L’archimostro di Artimino

L’ecomostro di Artimino non è una novità; purtroppo esiste incompiuto da anni. Tuttavia la collettività con esso deve ancora fare i conti e dunque occorre approfondire le questioni che hanno reso possibile la sua realizzazione,… Continua a leggere

Le Corbusier a Prato

Le Corbusier, il più famoso architetto del XX secolo, visitò Prato una sola volta nel 1907 quando, ancora giovane, venne in Italia per un viaggio di studio che rimase una tappa fondamentale nella… Continua a leggere

La centrale idroelettrica al Cavalciotto

Sottotitoli: A Prato ci sono intellettuali troppo raffinati. A che serve il vincolo paesaggistico? Cosa colpisce della polemica sorta intorno alla prevista realizzazione di una piccola centrale idroelettrica all’interno dell’edificio storico del Cavalciotto? Sicuramente… Continua a leggere

Una vera architettura moderna

Il XX secolo ha visto l’enorme espansione di Prato e ha quindi lasciato in città un gran numero di edifici. Tuttavia, lasciando da parte l’edilizia industriale, solo poche architetture possono dirsi rappresentative della… Continua a leggere

Appunti sul Piano Strutturale – 2

Dopo vari tentativi, finalmente sta per andare in porto, grazie al nuovo Piano strutturale, un progetto lungimirante passato nelle teste di vari imprenditori e amministratori. Si tratta dello spostamento dello stadio e l’uso… Continua a leggere

Elogio del Cantiere

A Prato, in un triangolo stretto tra la linea ferroviaria per Bologna, quella per Pistoia e Pisa e il fiume Bisenzio, sorge il quartiere del “Cantiere”. Il nome deriva dal fatto che la… Continua a leggere