Il vecchio inceneritore fantasma

L’inceneritore di Baciacavallo-Fontanelle, uno dei più vecchi d’Italia, per la città sembra non esistere.

INCENERITORE

Non è nell’elenco degli inceneritori italiani del rapporto ISPRA sulla gestione dei rifiuti.
Non è nell’elenco di vecchi e nuovi inceneritori del Dcpm del 10 Agosto 2016.
Non è in nessuna delle versioni del  Piano regionale di gestione dei rifiuti che si sono succedute, a dimostrazione che l’impianto non è  indispensabile.
Non è nel Piano interprovinciale  di gestione dei rifiuti.
Non interessa nessun organo amministrativo in quanto le emissioni rispettano (oggi) i limiti di legge.
Non interessa il Comune di Prato e non interessa i comuni confinanti che pure hanno quartieri residenziali a 3 chilometri dall’impianto.
Non interessa a quasi nessuna forza politica; è sparito da ogni discussione  pubblica e fatica a comparire sugli organi d’informazione.

Praticamente non esiste.

Eppure, se anche per magia potesse sparire, avrebbe comunque incenerito tonnellate  di rifiuti speciali per ormai 36 anni, diventando uno dei più vecchi impianti italiani e europei, costruito quando già l’area era già stata urbanizzata con edilizia intensiva.
Proprio da questo lunghissimo periodo di attività viene la pericolosità dell’inceneritore che. nascosto dentro un impianto di depurazione, durante i 36 anni è stato migliorato per quello che riguarda depurazione fumi e sistemi di controllo, ma ha tuttavia ha bruciato per moltissimo tempo enormi quantità di inquinanti non degradabili che si sono necessariamente bio-accumulate negli organismi viventi, negli uomini e nell’ambiente circostante l’impianto.

Annunci