Rossi non è un ingrato

rossIl “governatore” è un vero sovrano generoso. Contando sulla sostanziale irresponsabilità del bilancio regionale, che non deve rendere conto a nessuno, da sempre è dedito all’elargizione regale invece che alla pianificazione democratica.

In effetti non ha mai negato una compensazione a nessuno e nella grandiosa occasione della contemporanea realizzazione di aeroporto e inceneritore, si è mosso con preciso tempismo con alcuni interventi chiarificatori.

  • La Regione, senza un evidente motivo, sta cercando di acquistare “Villa Ragionieri” una clinica privata del gruppo Unipol, chiusa da alcuni mesi a causa di conti disastrati. Rossi e il suo braccio destro Stefania Saccardi, da mesi sta cercando di intavolare una trattativa e l’ultima offerta di acquisto, con la quale si accetta di accollarsi anche i 100 dipendenti, è del mese di Giugno ed è stata ostentatamente ignorata da Unipol. Evidentemente il “governatore” considera questo acquisto una compensazione al gruppo emiliano per le gravi perdite al valore dei terreni di Castello che deve inghiottire a causa della realizzazione dell’aeroporto. Altrettanto evidentemente Unipol, che ancora aspetta l’esito di un ricorso al Tar, sta cercando di alzare la posta.
  • Il comune di Prato ha ricevuto la gradita notizia di aver vinto la lotteria del bando per Progetti di Innovazione Urbana (PIU).  Si tratta di 6 milioni di euro per la “creazione di una nuova centralità urbana” all’interno del quartiere Macrolotto Zero. Prato vince nonostante il progetto non sembrasse del tutto aderente alle finalità del bando (efficientamento energetico degli edifici e dell’illuminazione pubblica, mobilità sostenibile, realizzazione o recupero di servizi socio-educativi e socio-sanitari, recupero funzionale di patrimonio edilizio esistente). Si può sospettare che Rossi voglia ricompensare così un sindaco che ha voluto muoversi con prudenza contro l’aeroporto?
  • Pochi mesi fa Rossi ha promesso la bella cifra di 80 milioni per portare la tramvia a Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio. Manterrà la promessa ora che a Sesto c’è un sindaco ostile alle infrastrutture?
  • La Regione ha promosso un accordo di programma per piantare alberelli per combattere l’inquinamento, sparsi per la piana, anche dove ci sono già.

Cosa si inventerà nei prossimi mesi per dimostrare di non essere un ingrato?

Annunci