Forestazione a Poggio a Caiano

Dopo anni, un accordo di programma tra Regioni e comuni mette in campo le prime fasi per realizzare il parco agricolo più grande che si sia mai visto.
Sono tre le fasi successive di realizzazione del Parco della Piana e la prima riguarderà proprio l’aspetto meno agricolo: il rimboschimento. La Regione mette a disposizione 14 milioni in totale (in vari anni), dei quali subito 4 milioni e 260.000 euro per la forestazione cioè per l’acquisto di alberi da piantumare nelle aree messe a disposizioni dai comuni che verranno cedute in comodato gratuito per 30 anni (rinnovabili) alla Regione che provvederà alla piantumazione. Le aree risultano essere (secondo i giornali) così suddivisi: 87 ettari a Prato, 20 ettari a Poggio a Caiano, mezzo ettaro a Carmignano, poco più di 7 a Calenzano, quasi 17 su Firenze, quasi 10 a Sesto Fiorentino, 2 ettari a Signa.
Lasciamo da parte i dubbi relativi alla concreta utilità e alla fattibilità,  fuori dalla retorica finto-ecologista, di questa operazione dal carattere più che altro promozionale.

Lasciamo da parte anche le perplessità relative all’opportunità di realizzare incongrui boschetti artificiali sparsi, non inquadrati in un disegno complessivo e peraltro difficili da controllare, a fronte di aree di verde pubblico in carenza di cure e manutenzione.
Lasciamo da parte i dubbi sul valore storico-paesaggistico dell’operazione.

La domanda invece è questa: dove sono a Poggio a Caiano 20 ettari da rimboschire?

 Immagine

PS
Per gli interventi di forestazione saranno stanziati € 345.302,62  di soldi pubblici

Segue :

Annunci