La politica degli spiccioli (2)

 segue dalla prima puntata.

Dunque:  i consiglieri di maggioranza e di opposizione si accapigliano sui 90 euro del gettone di presenza mentre farebbero un miglior servizio ai cittadini occupandosi di voci di bilancio più sostanziose e di questioni  più sostanziali  come per esempio il rapporto tra l’ente e le sue partecipate.

Penso di fare cosa utile cominciando ad analizzare un paio di capitoli di spesa che riguardano un paio di partecipate e che a mio avviso avrebbero bisogno di analisi, approfondimenti, interrogazioni, proposte da parte dei consiglieri eletti.

Cominciamo a vedere quali sono le città che hanno (nel perimetro comunale)  sostanzialmente lo stesso numero di abitanti di Prato: Modena, Reggio Emilia, Brescia, Perugia e Livorno.
Prendiamo come voci di analizzare il costo di smaltimento rifiuti (regolato da contratto di servizio con ASM)  e il costo per la riscossione dei tributi locali (regolato da contratto di servizio con SORI)
Ed ecco cosa risulta.

tab2

(Dati Siope)

Inutile commentare: i dati pratesi si distinguono per essere assai più alti delle città “gemelle”.

Sarà un diverso modo di codificare i dati da parte del comune di Prato? Non credo. Ci saranno motivi strutturali ben fondati? Forse. Comunque mi sembra che siano questioni importanti da approfondire nel Consiglio Comunale e nelle Commissioni, non solo per cercare di risparmiare soldi pubblici, ma per far chiarezza sulla gestione delle partecipate.

Segue

Annunci