Una ciminiera di 70 metri e gli aerei

camino

Q.thermo ha ottenuto già da qualche mese il parere favorevole in ordine alla Compatibilità Ambientale  e ora aspetta l’Autorizzazione Unica per poter iniziare a costruire il suo inceneritore.

Tra le molte carte presentate alla Provincia di Firenze troviamo l’immagine dimostrativa della lontananza del grande camino dell’inceneritore dalle rotte di atterraggio e di decollo dell’aeroporto “A. Vespucci”.
Q.thermo, tutta contenta, può tranquillamente dichiarare nei vari documenti che l’aeroporto dista 2 chilometri   dall’inceneritore e che le due ciminiere non danno alcun fastidio agli aerei. Inoltre i progettisti informano che le torri di 70 metri (che servirebbero a ridurre l’inquinamento al suolo), saranno illuminate come alberi di Natale.
Nonostante tanta tranquillità ENAC e ENAV non hanno rilasciato nessun nullaosta, anzi chiedendo ripetutamente chiarimenti e documentazione integrativa nel corso della Conferenza di servizi.

Il procedimento della VIA  si è concluso positivamente dunque senza l’apporto dei due enti dell’aviazione, che pure erano stati invitati alla Conferenza di servizi e avevano inviato pareri non positivi.

Potrebbe sembrare che Enac e Enav abbiano voluto tergiversare in attesa che si manifestasse il grandioso progetto parallelo convergente che si trova ben più vicino all’inceneritore: non più 2 chilometri ma 200 metri.

Ora come procederà l’iter dell’inceneritore?
Che fine faranno le due ciminiere e che fine farà la tranquilla sicurezza di Q.thermo di avere l’aeroporto a  2 chilometri ?
Quale genio riuscirà a dimostrare la compatibilità delle ciminiere con le nuove rotte di atterraggio e decollo?

rendering_01

Annunci