Piccole aree verdi

verde rotonda


alberi  
aiuolaaiuola
 

Ci sono i parchi urbani e ci sono le piccole aree verdi di quartiere, ritagliati tra le nuove edificazioni, a suo tempo realizzate spesso dai costruttori in cambio di sostanziosi sconti sugli oneri di urbanizzazione e comunque utilissimi ai cittadini, soprattutto agli anziani che non possono spostarsi fino ai parchi cittadini e per i quali possono essere uno spazio di socializzazione proprio sotto casa.

Cosa serve per queste piccole aree di verde pubblico?

Certo, a suo tempo, sarebbe stata utile un’attenta progettazione che avesse saputo prevedere gli utilizzi e la conseguente definizione degli spazi e delle attrezzature.
Ma questo non è stato possibile: i progettisti erano impegnati a far quadrare i conti del proprio cliente e gli uffici comunali non sono attrezzati per queste valutazioni.
Via, pretendiamo troppo! Accontentiamoci del minimo indispensabile: qualche gioco per bambini, un percorso che non si infanghi quando è piovuto, alcune panchine disposte in modo da averne qualcuna al sole per l’inverno e altre all’ombra per l’estate come raccomandano i manuali di progettazione.

Quest’ultimo requisito (l’ombra) sembra quasi sconosciuto a chi ha realizzato tali aree verdi, costantemente privi di qualsiasi alberatura o schermatura capace di fornire un qualche refrigerio nelle giornate estive. Al massimo sono presenti inutili pioppi cipressini o minuscoli alberelli, in posizione tale da non potere dare mai ombra utile, neppure quando, tra altri due o tre decenni, saranno cresciuti.

Del resto basta vedere i costi di gestione del verde pubblico cittadino che per il 2013 ammontavano a €1.495.867,00 di cui l’enorme cifra di €2.000, 00 per l’acquisto di piante destinate ad arricchire il patrimonio arboreo della città e a sostituire quelle da rimuovere,  e questo, tra l’altro,  spiega la cronica mancanza di ombra.
D’altra parte sono pochissime anche le panchine, per le quali le pubbliche amministrazioni hanno una speciale idiosincrasia.
Pochissimi dunque i piccoli spazi di quartiere che consentano d’estate agli anziani o alle mamme con bambini piccoli di passare un’oretta a chiacchierare seduti all’ombra di un qualsiasi albero (vero).

Sarebbe dunque utilissimo investire piccole somme per migliorare tali spazi pubblici che, con poca spesa potrebbero migliorare molto le condizioni di utilizzo.

Annunci