A Pistoia intanto…

La Commissione Sanità del Consiglio regionale Toscano ha approvato il passaggio gratuito al Comune di due immobili appartenenti al vecchio ospedale e non più utilizzati dalla Asl, per un valore di 18 milioni di euro. La cessione potrà  avvenire solo se il Comune garantirà  l’utilizzo  pubblico.

Non si parla di Prato, ma di Pistoia.

Si tratta del complesso monumentale del Ceppo e di un altro padiglione più moderno, ormai vuoti da un anno dopo l’apertura del nuovo ospedale San Jacopo.
Il comune di Pistoia già da tempo lavora per il riutilizzo dei vasti edifici e anche, evidentemente,  per giungere alla loro cessione gratuita.

Nella parte storica dell’ospedale del Ceppo troveranno posto vari spazi museali, la Fondazione Michelucci, l’archivio storico del Comune, l’Urban Center.
Nel moderno padiglione “Cassa di Risparmio” verranno ospitati molti  uffici del Comune attualmente sparsi (anagrafe,  pubblica istruzione, ufficio tecnico, annona). Una scelta che consentirà di economizzare risorse, facilitare l’accesso dei cittadini ai servizi, contribuire a rivitalizzare il centro storico.

Certo rimane un’ampia porzione del vecchio Ospedale che l’Asl vorrebbe “valorizzare”, ma comunque Pistoia sembra essersi mossa negli scorsi anni con un largo anticipo e con maggior efficacia rispetto a Prato per recuperare (gratuitamente) alla città un bene pubblico inutilizzato (o almeno una sua parte).

pistoia

 

Annunci